Previsioni di Borsa, a posteriori - Studio Rocchi Ghilardi Nuti
15774
post-template-default,single,single-post,postid-15774,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Previsioni di Borsa, a posteriori

Previsioni di Borsa, a posteriori

Queste erano le previsioni dei grandi strategist sulla borsa Usa per il 2018.

Previsioni di Borsa

Ammantate come sempre di un caldo ottimismo, fondato su una serie di considerazioni:

* statisticamente le borse salgono più spesso di quanto scendano

* i clienti vanno rassicurati a prescindere, non spaventati

* atteggiamento più prudente degli investitori = minori commissioni per la banca

* meglio sbagliare seguendo il gregge che da soli

Se guardiamo a posteriori come sia andato l’anno borsistico, vediamo che lo S&P500 ha chiuso a 2.507, il 12% più in basso della previsione media, mentre tutti -tutti- si aspettavano una borsa in crescita.

Errare è umano, fare processi agli sbagli altrui è troppo facile. Quello che va ricordato è invece che queste pubblicazioni sono pure attività di marketing, senza altra valenza e funzione che quella di romanzare i temi caldi dell’economia per renderli leggibili e interessanti: le decisioni d’investimento sono tutt’altra cosa.

Quello che serve ad un investitore sono metodo e coerenza, che vengono alimentati da un approccio razionale ai problemi e da processi quantitativi: l’idea che si possa prevedere il futuro, quando le migliori menti analitiche al mondo sono intente a lavorare a questo stesso fine, è pura utopia. Tanto più che come abbiamo visto, nemmeno loro ne sono capaci.