Private Banker? No, grazie - Studio Rocchi Ghilardi Nuti
15800
post-template-default,single,single-post,postid-15800,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.1.2,wpb-js-composer js-comp-ver-7.6,vc_responsive

Private Banker? No, grazie

Private Banker? No, grazie

Grazie all’errore di un Private Banker, che spedisce ad un cliente comunicazioni destinate a rimanere interne alla Banca, il Sole24Ore di qualche settimana fa toglie ogni dubbio su quello che realmente sta dietro ai “consigli” che queste reti di venditori elargiscono:

* budget della Banca

* pressioni della struttura piramidale soprastante

* obiettivi di redditività

* spazi di manovra consentiti dalla profilatura individuale

Buon ultimo, l’interesse del cliente. Che in realtà dal contenuto delle email non traspare minimamente, ma facciamo professione di fede e immaginiamo che esista…

Un professionista indipendente -ce ne sono centinaia- non ha certo la pietra filosofale, ma potete stare certi che è completamente estraneo a queste logiche.

Private banker? No grazie
Il conflitto d’interessi è inevitabile nell’attività di un private banker